Parental control – livello avanzato: la creazione di account separati per i minori 2020-07-20T13:21:30+02:00

Parental control – livello avanzato: la creazione di account separati per i minori

Ogni dispositivo, per essere utilizzato, richiede l’accesso con un account. La creazione di un account dedicato al proprio figlio minore, con caratteristiche speciali e funzioni dedicate al benessere dei bambini e ragazzi, permette di creare un ambiente guidato e controllato all’interno del quale i bambini e ragazzi si possano muovere in modo sicuro. Mentre altre azioni più basilari (ad es. l’impostazione della ricerca filtrata sui motori di ricerca) hanno effetti su singole applicazioni, la creazione di un account gestito dal genitore permette di impostare in maniera globale i vincoli dell’esperienza digitale dei figli.

________________________________________________________________________________________________________________

Nel momento in cui creiamo un account per un minore diventiamo responsabili dell’account stesso. Ci viene richiesto di associare i due account in modo tale che il genitore/tutore possa impostare e controllare l’account del minore. Sarà il genitore a decidere cosa potrà e non potrà fare il figlio. Il nostro consiglio è sempre di non imporre le scelte dall’alto, ma decidere insieme al/la figlio/a, o almeno motivare le scelte su come utilizzare gli strumenti digitali. In altre parole, la normale routine di gestione delle regole tra genitori e figli.

Si tratta di una operazione che è fondamentale per chi ha già concesso ai figli l’utilizzo di un device personale (ad esempio lo smartphone) ma è importante anche per chi usa dispositivi familiari in modo condiviso. In questo secondo caso, l’account del minore ha senso a condizione che si esca sempre dal proprio account di genitore, quando si cede il dispositivo ai figli. Un tale tipo di gestione richiede investire un po’ di tempo ad impostare in modo corretto e consapevole l’account del minore, usando la stessa cura che usiamo in altri ambiti della sua vita. Non è bene, infatti, lasciare al caso, o alla voglia di far tutto velocemente, un aspetto cruciale della vita dei nostri figli.

I vantaggi per la creazione di un account personale

Di seguito elencheremo, dunque, alcuni vantaggi che porta la creazione di un account personale per i minori.

  1. Controllo su accessi e uso dell’account

In virtù del fatto che gli account del minore e del genitore sono collegati, ogni nuovo accesso da un nuovo dispositivo deve essere autorizzato dal genitore. Così se, malauguratamente, qualcuno entrasse in possesso dei dati di accesso del minore, non riuscirebbe in ogni caso ad accedere al suo account. Inoltre, possiamo verificare quali applicazioni il minore usa di più, per quanto tempo, cosa non usa mai, ecc. Tutti questi sono indicatori che possono essere molto utili. Stiamo attenti, ovviamente, a non usarli come strumenti di controllo serrato ma come strumenti di azione positiva. 

  1. Limitazione dei tempi di utilizzo

Con i dispositivi digitali si possono fare, potenzialmente, infinite cose. Si tratta solo di installare ed utilizzare le app che fanno al caso nostro, o di nostro figlio. Dobbiamo scegliere, quindi, cosa si può utilizzare e cosa no e, soprattutto, quando e per quanto tempo. Con la gestione dell’account del minore, abbiamo la possibilità di far tutto questo.

  1. Controllo della privacy del minore

Creando un account per un minore possiamo decidere come gestire la loro privacy e i loro dati.

      4. Filtro delle ricerche sul browser

La navigazione su Internet è l’argomento più delicato perché, detta in parole povere, “si trova di tutto e si può fare di tutto”. In modo simile all’impostazione dell’utilizzo di determinate applicazioni, si può gestire cosa i minori possono e non possono vedere. Si possono trattare singoli siti web come se fossero applicazioni. Così, ad esempio, si può far in modo che il sito web delle videolezioni (Google Meet) sia visitabile senza limiti durante gli orari scolastici ma non dopo; che alcuni siti web siano visitabili e tutti gli altri no. Inoltre, quando creiamo un utente per un minore,  vengono attivate automaticamente tutte le funzioni di controllo e blocco su materiale e siti che fanno riferimento ad argomenti per adulti (“espliciti”). Avremo così già installato un filtro alle ricerche di contenuti espliciti, come ad esempio Safe Search di Google (si veda la Pillola 1)

      5. Controllo dell’installazione di nuove applicazioni

Nel caso di minori l’installazione di nuove applicazioni rischia di avere due conseguenze problematiche: acquisti involontari (o meno) e utilizzo di applicazioni non verificate dal genitore. Grazie alle funzionalità di gestione dell’account del minore, ogni installazione può essere portata a termine solo su autorizzazione del genitore.

  1. Portabilità dell’account

L’account che creeremo sarà portatile, nel senso che potrà essere associato a diversi dispositivi. Se il minore andrà, ad esempio, in vacanza con i nonni che gli/le concedono l’uso di un loro computer, questo potrà essere effettuato sempre con lo stesso account personale, quindi con le stesse sicurezza e impostazioni decise dal genitore in casa.

Le procedure che permettono la corretta impostazione dell’ambiente operativo in cui opererà il minore sono tre: creazione dell’account del minore, impostazione delle opzioni dell’account, associazione dell’account al dispositivo digitale (tramite login al dispositivo). Le prime due procedure saranno quelle che ci permettono di dire chi è il minore e cosa può fare, la terza è una semplice associazione del minore e delle “sue regole” ad un dispositivo dato. Le prime due sono svincolate dal terzo, nel senso che lo stesso account può essere associato a più dispositivi ed avrà sempre le stesse regole. Bisogna far notare, anche, che ogni piattaforma ha un account proprio: non possiamo, ad esempio, usare un account Google per accedere ad un sistema Windows o Apple. Vediamo ora i tre passaggi in modo più dettagliato.

Creazione dell’account del minore

Prima di entrare nel dettaglio dobbiamo fare due premesse:

  1. la creazione di un account richiede la creazione di una e-mail e l’utilizzo di una password di accesso. Quindi le procedure illustrate creano e/o presuppongono una email del minore.
  2. Il genitore/tutore deve avere anch’egli un suo account sul sistema che utilizzerà il minore (ad es. Microsoft oppure Google) e deve conoscerne userid e password.

–          GOOGLE, per dispositivi Android

Ci sono diverse possibilità per la creazione di un account Google affinché possa essere usato su un dispositivo Android. A questo link trovate tutte le possibilità: https://support.google.com/families/answer/7103338?hl=it.  È ben scritto e semplice per qualsiasi competenza informatica.

Va evidenziato che la creazione di un account per Google da accesso a tutti i servizi Google tra cui Gmail, Ricerca e Youtube. L’account Google collegato a Google Meet utilizzato da molte scuole non può essere controllato e quindi deve essere usato come account secondario.

–          APPLE, per computer Mac – iPad – iPhone

Anche per il mondo Apple ci sono diverse possibilità elencate in questo articolo: https://support.apple.com/it-it/HT201084

–          MICROSOFT, per computer Windows

Nel caso di Microsoft, la procedura viene fatta via sito web:

  1. Vai al sito microsoft.com.
  2. Accedi con il tuo account Microsoft quindi seleziona “Aggiungi un membro della famiglia”.
  3. Seleziona Membro.
  4. Clicca su “se non dispongono di un account Microsoft, “creane uno per loro”.
  5. Clicca su “crea un nuovo indirizzo email” ed inserisci la nuova email desiderata. Clicca su avanti e inserisci la password. Clicca su Avanti.
  6. Inserisci nome e cognome e data di nascita. Clicca su Avanti.
  7. Quando richiesto, inserisci il numero di telefono di controllo. Inserisci il codice arrivato via sms e clicca su Avanti. Un paio di informazioni ancora e l’account è creato.

Impostazione delle opzioni di sicurezza 

Per impostare correttamente le opzioni di sicurezza dell’account del minore sul dispositivo digitale utilizzato dal minore, dobbiamo usare software specifici.

Nel caso di Google, l’applicazione è Family Link. Nel caso di Apple è integrata nel sistema operativo dei dispositivi stessi, quindi non dobbiamo installare niente. Nel caso di Microsoft si gestisce tramite un sito web di Microsoft.

–          GOOGLE, per dispositivi Android

Nel caso di Google/Android si dovrà scaricare l’app Family Link sia sul dispositivo utilizzato dal minore che sul dispositivo del genitore. Il genitore aprirà Family link e troverà l’account del minore precedentemente associato in fase di creazione. Qui troverà tutte le opzioni di sicurezza e di operatività da impostare.

–           APPLE

Accedendo con il proprio utente, il genitore/tutore troverà le impostazioni di gestione dell’account del minore in Impostazioni (preferenze) > Tempo di utilizzo e scegliendo il nome del minore nel campo al di sotto della foto del proprio account. Al contrario di quello che si potrebbe pensare, la funzione “Tempo di utilizzo” contiene tutte le opzioni di gestione dell’account del minore.

–           MICROSOFT, per computer Windows

Andando sul sito family.microsoft.com e accedendo con il proprio account Microsoft si vedrà l’account del minore in alto a sinistra. Al di sotto del nome ci sono tutte le opzioni per gestire l’account (attività, tempo davanti allo schermo, limiti di app e giochi, altre opzioni).

Associazione dell’account ad un dispositivo

Si danno due casi. Il dispositivo che userà il minore sarà suo, cioè utilizzato in modo esclusivo, oppure sarà un dispositivo condiviso con altri.Nel primo caso, può essere un dispositivo nuovo o uno usato da destinare al minore:

Nel secondo caso, invece, dovete associare l’account del minore come nuovo utente del dispositivo. Questo significa che il minore dovrà “fare login” sul dispositivo con le proprie credenziali.  Anche in questo caso, le procedure dipendono dal sistema operativo utilizzato. Queste procedure dovranno essere fatte solo una volta. Successivamente il minore dovrà semplicemente fare login sul dispositivo condiviso. Vediamole nello specifico

–           GOOGLE, per dispositivi Android

  1. Apri l’app Impostazioni del dispositivo.
  2. Tocca Sistema > Avanzate > Utenti multipli.
    1. Se non riesci a trovare questa impostazione, prova a cercare utenti nell’app Impostazioni.
  3. Tocca Aggiungi utente > OK.
    1. Se non trovi l’opzione “Aggiungi utente”, tocca Aggiungi utente o profilo > Utente > OK.
    2. Se non trovi nessuna di queste opzioni significa che non è possibile aggiungere utenti sul dispositivo.
  4. Configurare il nuovo utente
    Tocca Configura ora. Sblocca lo schermo per configurare l’Account Google e altri dettagli. Dovrai mettere l’e-mail e la password dell’account del minore creato in precedenza

Da questo momento sarà possibile passare da un utente all’altro tramite Sistema > Avanzate > Utenti multipli.

–           APPLE, per computer Mac – iPad – iPhone

Per quanto riguarda Apple, dobbiamo distinguere il computer Mac da iPhone e iPadPer il primo bisognerà creare prima un nuovo utente di accesso al computer (login) e poi associare l’account del minore creato in precedenza. Per creare l’utente di login:

  1. Andare su preferenze di sistema > Utenti e gruppi.
  2. Cliccare (se necessario) sul lucchetto in basso a sinistra per sbloccare le opzioni.
  3. Cliccare sul pulsante  “+” al di sotto della voce Opzioni Login ed inserire un nome account (il nome del minore va benissimo) e una password di accesso al computer.
  4. Adesso dovrete andare sul menu “mela” in alto a sinistra dello schermo del computer e cliccare su “esegui logout”.
  5. Cliccate sul nome del minore (il nuovo account di login appena creato) ed inserite la password.
  6. Vi chiederà di associare l’account del minore creato in precedenza (ID Apple). Inserite l’e-mail e la password.

Da questo momento il minore avrà il suo account sul computer e voi potrete gestirne le funzionalità

Per iPhone e iPad la procedura è questa. Dobbiamo far notare che iPhone e iPad non permettono la gestione di più utenti sul dispositivo e, quindi, dovremmo associare il dispositivo all’account del minore in modo esclusivo. Se utilizzate un dispositivo nuovo la procedura di accensione vi chiederà di inserire i dati dell’account Apple (ID Apple): inserite i dati dell’account del minore creati in precedenza. Nel caso di un dispositivo già impostato con un altro account (ID apple) dovete:

  1. Andare su Impostazioni e fare Tap sul nome utente in alto a sinistra
  2. Fare tap su iTunes e App Store
  3. Fare tap sull’ID Apple e scegliere Esci
  4. A questo punto fate tap su Accedi e inserite i dati dell’account del minore creati in precedenza.

Da questo momento il dispositivo sarà associato al minore

–           MICROSOFT, per computer Windows

Per creare un nuovo utente di login su Windows per l’accesso del minore al computer bisogna:

  1. fare clic sul pulsante Start > Impostazioni
  2. Cliccare su Account
  3. Cliccare su Famiglia e altri utenti
  4. Cliccare su aggiungi un altro utente a questo pc
  5. Inserire i dati dell’account del minore creato in precedenza

Adesso si può fare il login con il nuovo account cliccando su Start > Account selezionando l’account appena creato.

Un esempio: limitazione del tempo dedicato ad un videogioco

Facciamo un esempio per vedere all’opera queste applicazioni. Proviamo ad impostare un limite al tempo di utilizzo di determinate applicazioni (in questo caso videogiochi) del dispositivo

–           GOOGLE

  1. Apri l’app “family link”
  2. Scegli il nome di tuo figlio e tocca “Mostra”
  3. Scorri in basso fino a quando trovi “Vedi tutte le app”. Tocca
  4. Tocca, in alto, “Limiti”
  5. Scegli il gioco a cui vuoi impostare un limite di tempo e tocca la clessidra a destra. Tocca “Imposta limite”
  6. Scegli un tempo massimo e tocca “Imposta”

–           APPLE

Facciamo l’esempio delle impostazioni da un iPhone del genitore.

  1. Tocca Impostazioni > Tempo di utilizzo.
  2. Scorri verso il basso e scegli il nome di tuo figlio in Famiglia.
  3. Tocca “Limitazioni app” e, subito dopo, “aggiungi limitazione di utilizzo”.
  4. Tocca “Giochi” e seleziona i giochi che vuoi limitare toccando il cerchio a sinistra del nome del gioco stesso.
  5. Tocca “Avanti”.
  6. Imposta un tempo massimo per giorno. Volendo si possono impostare tempi differenti per ogni singolo gioco e tempi diversi per ogni singolo giorno della settimana. Tocca “Aggiungi”.
  7. Tornando alla schermata di partenza, si può selezionare un codice “Tempo di utilizzo”, per sbloccare la limitazione. Toccare “Utilizza codice Tempo di utilizzo” e segui le istruzioni.
  8. Inserisci l’ID Apple e la password. In questo modo puoi anche re-impostare il codice “Tempo di utilizzo” se lo dimentichi.

–           MICROSOFT

  1. Da un qualsiasi browser vai a microsoft.com e accedi al tuo account Microsoft.
  2. Seleziona il nome del bambino e seleziona “Limiti app e giochi”.
  3. Se l’opzione “Limiti di tempo” è disattivata, attivala.
  4. Trova l’app o il gioco per cui vuoi impostare i limiti.
  5. Imposta la quantità di tempo che il bambino può trascorrere su un’app o un gioco ogni giorno e l’orario in cui può usarla.